Credito Cooperativo – Presentata la piattaforma per il rinnovo del Contratto Nazionale

Pubblicato da alex il

L’ampliamento e il rafforzamento dell’area contrattuale per la tutela delle professionalità dei dipendenti, l’attuazione del Fondo per l’occupazione giovanile (art.24 Ccnl) in qualità di strumento a sostegno del lavoro, l’integrazione permanente nella cornice contrattuale nazionale della Banca del tempo solidale, l’accesso volontario da parte dei lavoratori allo smart working e il riconoscimento economico in merito alla produttività svolta. Questi alcuni dei punti della nuova piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale del credito cooperativo, con decorrenza da gennaio 2020 a dicembre 2022, approvata a fine giugno dalla Fabi e dalle altre sigle con le strutture nazionali sindacali. Passaggio successivo saranno le assemblee, su tutto il territorio nazionale, con le lavoratrici e i lavoratori bcc chiamati a esprimere il loro consenso per l’approvazione definitiva. Obiettivo di questo rinnovo è la stabilità occupazionale, la tutela del risparmio e la limitazione, al massimo, di cessione di rami aziendali al fine di non dispendere il patrimonio professionale del personale del credito cooperativo. Il rinnovo interessa circa 34 mila addetti del settore.
Dal 31 dicembre del 2019, data del rinnovo dello scorso contratto nazionale, le sigle del credito cooperativo sono state impegnate, prevalentemente, con la stesura di accordi e protocolli di contenimento e contrasto alla pandemia. Le sessioni di confronto con Federcasse, comunque, sono sempre continuate e hanno consentito, lo scorso maggio, di arrivare alla definizione e attuazione dell’architettura di nuove relazioni sindacali di settore con due importanti accordi: il primo sulle agibilità sindacali e il secondo riguardanti gli assetti contrattuali. Entrambe le intese raggiunte sono fondamentali per la stesura della piattaforma contrattuale.
«A partire dalla giornata odierna, con l’invio della piattaforma unitaria di rinnovo del Ccnl a tutte le lavoratrici e i lavoratori e fino a settembre sarà sviluppato e approfondito il dibattito e il confronto in categoria» commenta il segretario nazionale Fabi, Luca Bertinotti. «Questo è il primo e autentico rinnovo di Ccnl al tempo dei gruppi bancari cooperativi e sarà la pietra miliare e di svolta per attualizzare e approntare tutte le necessarie misure di garanzia e presidio di tutele per l’intera categoria del credito cooperativo. Come e più di sempre occorre fare bene e fare presto nell’interesse dei beni comuni e dell’identità ispirata a principi universali e unici del Credito Cooperativo» conclude il segretario nazionale Fabi.

Roma, 7 luglio 2021

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [1.32 MB]


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *