FABI TV


Servizi & Tempo Libero

FabiBcc QR Code

Mondo BCC

Agenda Sindacale

<< Nov 2017 >>
lmmgvsd
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3

Fondo Occupazione Cr. Coop.

Guide Pratiche

Giurisprudenza Flash

Centro Servizi CAAF

Licenziamento

Fabinforma. Licenziamento. Utilizzo internet aziendale

Con una sentenza alquanto precisa nei contenuti e nelle motivazioni, la Corte di Cassazione ha confermato la piena legittimità del licenziamento per giustificato motivo soggettivo nei confronti di un dipendente che, per 27 volte, per un totale di 45 ore e con un notevole scambio di dati (migliaia di kbyte), aveva, in maniera sistematica, utilizzato la connessione internet aziendale per fini esclusivamente personali, con una condotta reiterata ed intenzionale…

Fonte. www.generazionevincente.it


(Contiene 1 allegato.)

Fabinforma – Part-Time – Sentenza della Cassazione

Con sentenza n. 13196 del 25 maggio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato l’assoluta nullità …
Con sentenza n. 13196 del 25 maggio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato la illegittimità di un licenziamento per giusta causa …


(Contiene 1 allegato.)

Fabinforma. Malattia – Licenziamento. Il lavoratore deve verificare l’invio del certificato di malattia

Rientra tra gli obblighi del dipendente, assente dal lavoro per malattia, non solo avvisare tempestivamente il datore di lavoro in merito alla propria assenza, ma anche verificare che la procedura telematica di trasmissione del certificato di malattia all’Inps da parte del medico curante sia avvenuta correttamente. In mancanza di questo adempimento, laddove sia emerso che l’Inps non ha ricevuto il certificato di malattia e che, quindi, il datore di lavoro non abbia potuto effettuare il relativo controllo, risulta pienamente legittimo il licenziamento disciplinare intimato per una prolungata assenza ingiustificata.

Fonte. Il Sole 24 Ore – Quotidiano del Lavoro – 27 luglio 2016. Articolo di Giuseppe Bulgari d’Elci


(Contiene 1 allegato.)

Fabinforma. Licenziamento. Rischio recesso se si usa la password altrui

L’utilizzo vietato delle credenziali del precedente direttore di filiale per accedere al terminale e l’uso protratto nel tempo della password per interrogare la banca dati a pagamento, allo scopo di estrarre informazioni su specifici soggetti e imprese per esigenze non attinenti al servizio, costituiscono giustificato motivo soggettivo di licenziamento del dipendente.

Fonte. Il Sole 24 Ore – Quotidiano del Lavoro – 16 giugno 2016 Articolo di Giuseppe Bulgarini d’Elci


(Contiene 1 allegato.)

Fabinforma. Licenziamento. Sanzione alla banca, paga il dipendente

Tempi duri per i dipendenti responsabili di violazione della normativa in materia di intermediazione finanziaria. Con la sentenza 6255/2016 la Cassazione ha infatti stabilito che le banche devono esercitare l’azione di regresso prevista dall’articolo 195, comma 9, del Dlgs 58/1998 (testo unico finanza, Tuf) in tutti i casi in cui esse abbiano dovuto pagare una sanzione amministrativa irrogata dalle autorità di vigilanza, se la violazione è da imputarsi alla condotta del proprio dipendente o del proprio organo societario.

Il Sole 24 Ore – Quotidiano del Lavoro – 24 maggio 2016 Articolo di Olimpio Stucchi


(Contiene 1 allegato.)

Fabinforma. Licenziamento. Legge 104. Licenziamento legittimo se l’assistenza non copre tutti i periodi di permesso

E’ legittimo il licenziamento per giusta causa del lavoratore, il quale, fruendo dei permessi retribuiti previsti dalla legge 104/92 e anche in assenza di un comportamento elusivo, usufruisca solo parzialmente del tempo totale concesso per l’assistenza al parente.

Fonte. Il Sole 24 Ore del 25 marzo 2016. Articolo di Mauro Pizzin


(Contiene 1 allegato.)

Fabinforma. Licenziamento. Insulti al superiore, recesso anche senza gesti violenti

L’insulto rivolto al superiore gerarchico giustifica il licenziamento in tronco anche se non si concretizza in gesti violenti o se il contratto collettivo non prevede questo tipo di sanzione, in quanto costituisce una condotta che, sul piano organizzativo, mina l’autorità di chi viene offeso e, quindi, compromette il regolare funzionamento dell’organizzazione aziendale…

Il Sole 24 Ore – Quotidiano del Lavoro – 12 maggio 2016. Articolo di Giampiero Falasca


(Contiene 1 allegato.)

Giurisprudenza e Lavoro Flash 37 2013 Licenziamenti. Cassazione, sentenze sul mondo del lavoro

Le ultime sentenze della Cassazione e altro sui licenziamenti

  • Certificazione di malattia inviata in ritardo e licenziamento
  • Licenziamento e assoluzione perché il fatto non costituisce reato
  • Tribunale di Milano: licenziamento per giustificato motivo oggettivo ed indennità risarcitoria
  • Invio a terzi di dati riservati dell’azienda e licenziamento
  • Licenziamento per giusta causa ed incarico sindacale
  • Immediatezza della contestazione e licenziamento disciplinare
  • Malattia e diritto di difesa in un procedimento disciplinare
  • Assenza ingiustificata di breve periodo e licenziamento
  • Contestazione disciplinare e requisito dell’immediatezza
  • Va provata la perdita del rapporto fiduciario in caso di licenziamento
  • Repechage e formazione del dipendente
  • Licenziamenti ed applicazione della normativa fiscale sugli studi di settore
  • Rifiuto del trasferimento per chiusura unità produttiva e legittimità del licenziamento
  • Tribunale di Milano. licenziamento per superamento del periodo di comporto e motivazioni
  • Tribunale di Milano: licenziamento per superamento periodo di comporto e mancato tentativo di conciliazione

(Contiene 1 allegato.)